Notifiche remote - Metasys - LIT-12011953 - Server - Metasys UI - 6.0

Guida Metasys UI

Brand
Metasys
Product name
Metasys UI
Document type
User Guide
Document number
LIT-12011953
Version
6.0
Revision date
2023-10-04
Language
Italiano

Cos'è la funzione Notifiche remote?

La funzione Notifiche remote di Metasys UI sostituisce i Destination Delivery Agent (DDA) del server nel Site Management Portal (SMP). I DDA facilitano l'instradamento dei messaggi di evento e di audit generati su ADS, ADX, OAS o sul controllore.

Con la funzione Notifiche remote è possibile configurare l'instradamento e il filtraggio dei messaggi sugli eventi e sugli audit direttamente in Metasys UI per ciascun server ADS, ADX, OAS o controllore, senza l'esigenza di installare software sulle macchine client.
Nota: A partire dalla Release 10.1 di Metasys, tutte le Notifiche remote del server vengono create e modificate in Metasys UI e non più in SMP.

A partire dalla Release 11.0 di Metasys, gli amministratori possono anche configurare gli annunci con la funzione Notifiche remote di Metasys UI. La funzione Invia annuncio facilita la comunicazione di gruppo. Per esempio, è possibile annunciare a tutti gli utenti di Metasys un'interruzione pianificata dovuta ad aggiornamenti o manutenzione del sistema.

La funzione Notifiche remote, ad eccezione della funzionalità Invia annuncio, è disponibile sia su Metasys UI che su JCT. Le schermate di questa sezione mostrano la funzione Notifiche remote di Metasys UI.

Chi può accedere alla funzione Notifiche remote?

Gli amministratori e i non amministratori con le relative autorizzazioni possono accedere alla funzione Notifiche remote.

La funzione Notifiche remote è accessibile a tutti, ma visualizza i server e i controllori disponibili solo se L'utente può vedere la struttura di navigazione (Struttura predefinita) nell'opzione Dettagli utente all'interno della funzione Gestione utente di Metasys UI o nelle Proprietà utente di SMP. Inoltre, è possibile visualizzare le informazioni relative a un server o a un controllore specifico solo se si dispone dell'autorizzazione Visualizza per la relativa categoria di autorizzazione. Allo stesso modo, è possibile modificare le informazioni per un server o un controllore specifico solo se si dispone dell'autorizzazione Modifica oggetti per la relativa categoria di autorizzazione.

Come si accede alla funzione Notifiche remote?

  1. Aprire il menu Utente.
  2. Fare clic su Gestione funzionalità.
  3. Fare clic su Notifiche remote.

Quali tipi di destinazione sono supportati sui server? Quali tipi di destinazione sono supportati sui controllori?

Per ogni ADS, ADX od OAS è possibile utilizzare i seguenti tipi di destinazione per configurare l'instradamento e il filtraggio dei messaggi di evento e di audit:
  • Email: solo filtro eventi
  • Simple Network Management Protocol (SNMP): solo filtro eventi
  • Syslog: filtro eventi e filtro audit
Per ogni controllore è possibile utilizzare i seguenti tipi di destinazione per configurare l'instradamento e il filtraggio dei messaggi di evento e di audit:
  • Email: solo filtro eventi
  • Stampante: solo filtro eventi
  • Simple Network Management Protocol (SNMP): solo filtro eventi
  • Syslog: filtro eventi e filtro audit
La seguente tabella descrive in modo più dettagliato i tipi di destinazione disponibili:
Tabella 1. Tipi destinazione
Tipo destinazione Descrizione
Email

È possibile configurare gli indirizzi e-mail come destinazioni per i messaggi sugli eventi. Il tipo di destinazione Email supporta il protocollo SMTP standard.

Stampante
Nella piattaforma server è possibile definire qualsiasi stampante supportata dal software Windows come destinazione per i messaggi sugli eventi. Un singolo DDA può stampare gli allarmi su più stampanti. Sono supportate sia le stampanti collegate al ADS/ADX/OAS tramite porta parallela o USB, sia le stampanti di rete basate su IP (se le stampanti sono configurate con un indirizzo IP). Questa piattaforma non supporta le stampanti Novell NetWare.
Nota: Per impostare una stampante su un ADX suddiviso, la stampante deve essere accessibile dal computer del server Web/applicazione, invece che dal computer del server di database.
È possibile configurare il DDA della stampante ADS/ADX per la stampa a riga singola da una stampante con alimentazione a trazione, che è anche nota come stampa con alimentazione a trazione, stampa al tratto e supporto per stampanti ad aghi. Per configurare una stampante per la stampa a riga singola da una stampante con alimentazione a trazione (nessuna modalità di stampa avanzamento carta/alimentazione a trazione), impostare l'attributo Fuori linea su 0 quando si crea una notifica. Impostando questo attributo su 0, quando alla stampante di alimentazione a trazione viene inviato un allarme, questa stampa il testo dell'allarme e poi fa avanzare il foglio di una singola riga, preparandosi così a stampare l'allarme successivo. Per ulteriori informazioni sull'attributo Fuori linea, vedere Come si utilizza la finestra Crea notifica per le notifiche Stampante?
Nota: Quando si utilizza una stampante con alimentazione a trazione (senza avanzamento carta), gli attributi Timeout, Soglia priorità di stampa, Orientamento, Font e Dimensione carattere non vengono utilizzati e gli eventuali valori impostati per essi vengono ignorati. È possibile impostare Orientamento, Font, Dimensione carattere e il ritorno a capo automatico sulla stampante stessa. La stampa con alimentazione a trazione può essere usata soltanto su stampanti apposite. Si può incontrare un comportamento anomalo se si imposta l'attributo Fuori linea su 0 per altri tipi di stampanti, come le stampanti a getto di inchiostro e laser.
Simple Network Management Protocol (SNMP)

È possibile configurare un SNMP Trap come destinazione per i messaggi sugli eventi. Il tipo destinazione SNMP supporta SNMP versione 1, 2C e 3.

Syslog

È possibile configurare una destinazione Syslog che inoltra tutti gli eventi e gli audit del sistema al Syslog server.

Il sistema Metasys offre la funzionalità opzionale di invio delle voci del registro di audit configurate e delle notifiche degli allarmi a un Syslog Server esterno, standard del settore, conformemente all'RFC 3164 pubblicata da Internet Engineering Task Force. L'opzione Syslog del sistema Metasys fornisce un'indicazione di ogni campo possibile nelle voci di evento e audit di Metasys, sostituendo ogni campo vuoto con un trattino (-). I singoli campi di ogni messaggio Metasys vengono inviati al Syslog Server separati dal simbolo della barra verticale (|), garantendo l'integrità di tutti i dati inviati al Syslog Server.

Dopo la configurazione del DDA Syslog, tutti i messaggi inviati all'Archivio ADS locale vengono inviati immediatamente anche al Syslog Server configurato. È possibile applicare l'analisi forense su tutte le informazioni elettroniche di audit ed eventi consolidate nel Syslog Server.

Qual è il layout della funzione Notifiche remote?

La figura seguente mostra il layout delle notifiche via e-mail nella funzione Notifiche remote di Metasys UI su un server.
Importante: La scheda Annuncio viene visualizzata solo in Metasys UI. La funzione Invia annuncio non è supportata in JCT.
Figura 1. Richiami funzione Notifiche remote - Notifiche via e-mail
Tabella 2. Richiami funzione Notifiche remote - Notifiche via e-mail
Numero Nome Descrizione
1 Tipi destinazione Fare clic su un tipo di destinazione per visualizzare le notifiche configurate per un dispositivo. Per esempio, fare clic su Email per visualizzare tutte le notifiche e-mail configurate per un dispositivo.
Nota: Quando non sono configurate notifiche, viene visualizzato un messaggio come il seguente: Nessuna notifica e-mail configurata per questo dispositivo.
2 Aggiungi notifica Fare clic per aggiungere una nuova notifica. Vedere anche Come si aggiunge una nuova notifica alla funzione Notifiche remote?
3 Etichetta Elenca i nomi delle notifiche e-mail configurate. Questa colonna è ordinabile.
4 Priorità Mostra la priorità di esecuzione di una notifica. Questa colonna è ordinabile.
5 Destinatari Mostra il numero di destinatari di una notifica. Questa colonna è ordinabile.
6 Diagnostica Apre la finestra Diagnostica che visualizza informazioni diagnostiche relative alla comunicazione fra Email DDA (SMTP Client) e SMTP Server. I dettagli della diagnostica includono:
  • Data e ora in cui la notifica è stata inviata. Per esempio: 6/12/2018 14:11:43 PM.
  • Descrizione dell'evento. Per esempio: L'email è stata inviata con successo.
Nota: Le informazioni di diagnostica visualizzate nella finestra Diagnostica sono limitate a 100 righe.
7 Icona Impostazioni Apre la finestra Configurazione condivisa, dove è possibile regolare le impostazioni della rispettiva notifica remota. Per ulteriori informazioni sulla finestra Configurazione condivisa, vedere Come si possono cambiare le impostazioni della funzione Notifiche remote?
8 Azioni Mostra che una notifica è abilitata.
Indica che una notifica è disattivata.
Inviare un'e-mail di prova per verificare la configurazione e il funzionamento del server e-mail. Il messaggio è etichettato come test per tutti i destinatari.
Nota: Questa icona è disattivata se le notifiche via e-mail per l'intero sito sono disattivate o se la notifica via e-mail individuale è disattivata.

Se un utente non riceve l'e-mail di prova, verificare che l'indirizzo del destinatario sia valido e che l'utente possa ricevere le notifiche.

Crea un duplicato completo di una notifica, compreso lo stato di attivazione o disattivazione.
Eliminare una notifica.

Le informazioni fornite nella scheda notifiche Stampante, nella scheda notifiche SNMP, nella scheda notifiche Syslog e nella scheda Annuncio differiscono leggermente dalle informazioni fornite nella scheda notifiche Email. Le figure e le tabelle seguenti descrivono il layout della scheda notifiche Stampante, della scheda notifiche SNMP, della scheda notifiche Syslog e della scheda Annuncio.

Figura 2. Layout delle notifiche Stampante
Tabella 3. Layout delle notifiche Stampante
Nome Descrizione
Etichetta Specifica il nome della stampante alla quale vengono instradati i rapporti. Questa colonna è ordinabile.
Azioni Mostra che una notifica è abilitata.
Indica che una notifica è disattivata.
Crea un duplicato completo di una notifica, compreso lo stato di attivazione o disattivazione.
Eliminare una notifica.
Figura 3. Layout delle notifiche SNMP
Tabella 4. Layout delle notifiche SNMP
Nome Descrizione
Etichetta Elenca i nomi delle notifiche SNMP configurate. Questa colonna è ordinabile.
Indirizzo IP Elenca l'indirizzo IP di ogni dispositivo.
Azioni Mostra che una notifica è abilitata.
Indica che una notifica è disattivata.
Crea un duplicato completo di una notifica, compreso lo stato di attivazione o disattivazione.
Eliminare una notifica.
Figura 4. Layout delle notifiche Syslog
Tabella 5. Layout delle notifiche Syslog
Nome Descrizione
Etichetta Elenca i nomi delle notifiche Syslog configurate. Questa colonna è ordinabile.
Syslog Server Elenca l'indirizzo IP del Syslog Server.
Azioni Creare un duplicato completo di una notifica.
Eliminare una notifica.
Figura 5. Layout della scheda Annuncio
Tabella 6. Layout della scheda Annuncio
Nome Descrizione
Etichetta Elenca i nomi di riepilogo degli annunci configurati. Fare clic sul nome di un riepilogo per modificare l'annuncio.
Data e ora di inizio Mostra la data e ora di inizio degli annunci.
Tipo Indica il tipo di annuncio. I tipi di annuncio supportati sono i seguenti:
  • Schermata di accesso: l'annuncio viene visualizzato nella schermata di accesso per tutti gli utenti durante l'intervallo di tempo specificato.
  • Banner: l'annuncio viene visualizzato durante l'orario specificato nella parte superiore destra della schermata iniziale di Metasys UI per tutti gli utenti mentre sono online. È possibile eliminare gli annunci di tipo Banner e questa azione genera un audit. Gli annunci interrotti non riappaiono.
  • Email: l'annuncio viene inviato via e-mail ai destinatari previsti alla data e ora configurate.
    Nota: È possibile inviare annunci via e-mail solo se il server e-mail è configurato nella scheda Email di Notifiche remote. Fare clic sull'icona Impostazioni per aprire le impostazioni e configurare il server e-mail.
Azioni

Indica che un annuncio è abilitato.

Indica che un annuncio è disattivato. L'annuncio viene disattivato automaticamente al raggiungimento della data e ora di fine.
Nota: È possibile modificare la data e ora di inizio e di fine per riattivare un annuncio.

Eliminare un annuncio.

Come si aggiunge una nuova notifica alla funzione Notifiche remote?

  1. Aprire Notifiche remote.
  2. Selezionare il server o il controllore dalle Risorse di rete nel riquadro a sinistra.
  3. Fare clic sul tipo di destinazione per il quale si desidera aggiungere un'annotazione. Per esempio, fare clic sulla scheda Email per creare una nuova notifica e-mail.
  4. Fare clic su + NOTIFICA.
  5. Completate i dettagli nella finestra Crea notifica.

Per ulteriori informazioni sulla creazione di una nuova notifica Email, vedere Come si utilizza la finestra Crea notifica per le notifiche via e-mail?

Per ulteriori informazioni sulla creazione di una nuova notifica Stampante, vedere Come si utilizza la finestra Crea notifica per le notifiche Stampante?

Per ulteriori informazioni sulla creazione di una nuova notifica SNMP, vedere Come si utilizza la finestra Crea notifica per le notifiche SNMP?

Per ulteriori informazioni sulla creazione di una nuova notifica Syslog, vedere Come si utilizza la finestra Crea notifica per le notifiche Syslog?

Per ulteriori informazioni sulla creazione di un Annuncio, vedere Come si crea un annuncio?

Come si utilizza la finestra Crea notifica per le notifiche via e-mail?

La finestra Crea notifica si apre quando si fa clic sul pulsante +NOTIFICA. La finestra è composta da quattro aree: informazioni generali sulle notifiche, filtri sugli eventi, escalation e formattazione. Le figure e le tabelle seguenti descrivono queste aree.

Figura 6. Finestra Crea notifica per le e-mail - Informazioni generali sulle e-mail
Figura 7. Finestra Crea notifica per le e-mail - Filtri evento
È possibile configurare un'opzione di escalation, come mostrato in Figura 8. Scegliere di inviare un'ulteriore e-mail se un allarme NON è stato riconosciuto o eliminato dopo un determinato periodo di tempo.
Importante: L'escalation degli allarmi si applica solo agli allarmi con l'attributo Riconoscimento allarme richiesto impostato su Vero. Questo attributo è presente nell'estensione allarme dell'oggetto nella sezione Impostazione allarme del widget Dettaglio di Metasys UI.
Figura 8. Finestra Crea notifica per le e-mail - Escalation
Figura 9. Finestra Crea notifica per le e-mail - Formattazione

Tabella 7. Richiami della finestra Crea notifica per le e-mail
Numero Nome Descrizione
1 Campo Etichetta Identifica il nome della notifica di facile utilizzo nell'elenco delle notifiche e-mail. Questo campo è obbligatorio.
2 Campo Priorità Specifica la priorità del messaggio e-mail in uscita. Questo attributo definisce il campo X-Priority all'interno dell'intestazione MIME dell'e-mail. X-Priority è uno dei diversi modi per definire l'importanza di un'e-mail. Non tutti i client di posta elettronica lo interpretano allo stesso modo. Fare riferimento alla documentazione del cliente sull'e-mail per maggiori informazioni. È possibile scegliere tra Alto, Normale e Basso.
3 Campo Tentativi Specifica il numero di tentativi effettuati per inviare un messaggio in caso di errore prima che il sistema lo elimini.

Intervallo: 0 - 10

Questo campo è obbligatorio.
4 Campo Indirizzo e-mail Specifica l'indirizzo e-mail di uno o più destinatari. È necessario utilizzare indirizzi e-mail validi impostati su un server e-mail affinché il dispositivo possa inviare correttamente gli allarmi e-mail. Esistono due modi per aggiungere indirizzi e-mail al campo Indirizzo e-mail:
  • Inserire manualmente gli indirizzi e-mail.
  • Utilizzare l'agenda indirizzi per inserire gli indirizzi e-mail. Per utilizzare l'agenda indirizzi, fare clic sull'icona Agenda indirizzi:

Vedere anche Come si utilizza l'agenda indirizzi nella finestra Crea notifica e nella finestra Crea annuncio?

È anche possibile inviare le notifiche remote come messaggi di testo, utilizzando il numero di cellulare del destinatario formattato come un indirizzo e-mail standard: numero di telefono a 10 cifre@dominio gateway dell'operatore cellulare.
Nota: Potrebbero essere applicate tariffe di messaggistica e dati. Il metodo consigliato è il Multimedia Messaging Service (MMS), che trasmette messaggi più lunghi senza interruzioni.

Il campo Indirizzo e-mail è obbligatorio. Il numero massimo di caratteri consentiti è 256.

5 Pulsante Aggiungi filtro eventi Fare clic su questo pulsante per aggiungere un filtro alla notifica. Selezionare un Oggetto da quanto segue:
  • Stato attuale
  • Priorità
  • Categoria di autorizzazione
  • Riconoscimento richiesto
  • Stato Precedente
  • Primo giorno della Settimana
  • Ora di inizio
  • Ultimo giorno della Settimana
  • Ora di fine
  • Ambienti
  • Apparati
Selezionare un Operatore e inserire o selezionare un Valore. Vedere anche Come si utilizzano il Filtro eventi e il Filtro audit?
6 Selettore di tempo Impostare la durata dell'invio di un'e-mail di escalation ai destinatari configurati. Per esempio, inserire 5 nel campo dei minuti se si desidera che il sistema emetta un'e-mail di escalation cinque minuti dopo che un allarme è stato generato e non è ancora stato riconosciuto.
7 Campo Indirizzo e-mail di escalation Aggiungere gli indirizzi e-mail dei destinatari dell'e-mail di escalation. Esistono due modi per aggiungere indirizzi e-mail al campo Indirizzo e-mail di escalation:
  • Inserire manualmente gli indirizzi e-mail.
  • Utilizzare l'agenda indirizzi per inserire gli indirizzi e-mail. Per utilizzare l'agenda indirizzi, fare clic sull'icona Agenda indirizzi:

Vedere anche Come si utilizza l'agenda indirizzi nella finestra Crea notifica e nella finestra Crea annuncio?

Nota: Caratteri massimi consentiti: 256
Importante: L'invio di un'e-mail di escalation è facoltativo. Tuttavia, affinché l'invio di un'e-mail di escalation vada a buon fine, è necessario compilare entrambi i campi Selettore di tempo e Indirizzo e-mail di escalation.
8 Oggetto Specifica il testo definito dall'utente che appare nel campo dell'oggetto del messaggio e-mail.
9 Campo Includi Definisce il formato del messaggio, indicando quali campi sono presenti nel messaggio ricevuto. Selezionare le informazioni da includere nella notifica. I seguenti elementi sono preselezionati:
  • Priorità
  • Messaggio
  • Valore
  • Descrizione oggetto
  • Riferimento dell'oggetto
  • Categoria di autorizzazione
Tuttavia, è possibile cancellare gli elementi preselezionati.

Come si utilizza la finestra Crea notifica per le notifiche Stampante?

La figura e la tabella seguenti descrivono il layout della finestra Crea notifica per una notifica Stampante:
Figura 10. Finestra Crea notifica - notifica Stampante
Tabella 8. Richiami della finestra Crea notifica - notifica Stampante
Numero Nome Descrizione
1 Campo Stampante Specifica il nome della stampante alla quale vengono instradati i rapporti. Il DDA stampante può inviare allarmi a una o più stampanti. È un campo obbligatorio.
Nota:
  • Se non si è certi del nome corretto della stampante da usare, stampare una pagina di prova dalla stampante e cercare la riga del nome della stampante nella stampa di prova. Copiare esattamente il nome e la sintassi.
  • È possibile configurare più stampanti su un server, ma è necessario creare una notifica separata per ciascuna stampante.
2 Campo Fuori linea Definisce quante righe di dati sono necessarie prima che il DDA stampante instradi i rapporti alla stampante. Impostando questo valore su 0 si abilita la stampa a trazione o in linea. Vedere anche la voce Stampante in Tabella 1.

Intervallo: 0 - 60

3 Campo Soglia priorità di stampa Specifica la priorità di stampa dei messaggi di allarme. È possibile stampare più allarmi contemporaneamente in un intervallo di priorità normale utilizzando gli attributi Fuori linea e Timeout. È inoltre possibile impostare la Soglia priorità di stampa per stampare immediatamente il contenuto del buffer fuori linea quando viene rilevato un allarme di priorità superiore (per esempio, un allarme rivelazione incendio). È possibile impostare la Soglia priorità di stampa su un valore compreso tra 0 e 255. I numeri di priorità più bassi hanno una priorità di allarme più alta. Quando al buffer di uscita linea viene aggiunto un allarme con un numero di priorità inferiore alla Soglia priorità di stampa, il contenuto del buffer fuori linea viene stampato immediatamente. Per esempio, se la Soglia priorità di stampa è impostata su 20, gli allarmi con un numero di priorità pari o superiore a 20 vengono bufferizzati utilizzando gli attributi Fuori linea e Timeout. La ricezione di un allarme con un numero di priorità pari o inferiore a 19 costringe a stampare immediatamente gli allarmi attualmente memorizzati e il nuovo allarme ad alta priorità. Questa funzionalità si applica quando l'attributo Fuori linea è impostato su 1 o superiore.
4 Campo Timeout Timer (in minuti) che inizia quando il primo allarme viene memorizzato nel buffer di uscita della linea DDA (Fuori linea). Alla scadenza, viene stampato il contenuto del buffer fuori linea.
5 Campo Tentativi Specifica il numero di tentativi di stampa di un rapporto in caso di errore prima che il sistema lo elimini.

Intervallo: 0 - 10

6 Area Formattazione Nell'area formattazione è possibile specificare le seguenti voci:
  • Orientamento: Definisce l'orientamento del rapporto stampato (orizzontale o verticale).
  • Font: Specifica il font utilizzato per la stampa del rapporto.
  • Dimensione carattere: Specifica la dimensione dei caratteri utilizzati nel rapporto stampato.
Selezionare le informazioni da includere nella notifica. I seguenti elementi sono preselezionati:
  • Priorità
  • Messaggio
Tuttavia, è possibile cancellare gli elementi preselezionati.
7 Pulsante Aggiungi filtro eventi Fare clic su questo pulsante per aggiungere un filtro alla notifica. Selezionare un Oggetto da quanto segue:
  • Stato attuale
  • Priorità
  • Categoria di autorizzazione
  • Riconoscimento richiesto
  • Stato Precedente
  • Primo giorno della Settimana
  • Ora di inizio
  • Ultimo giorno della Settimana
  • Ora di fine
  • Ambienti
  • Apparati

Selezionare un Operatore e inserire o selezionare un Valore. Vedere anche Come si utilizzano il Filtro eventi e il Filtro audit?

Come si utilizza la finestra Crea notifica per le notifiche SNMP?

La figura e la tabella seguenti descrivono il layout della finestra Crea notifica per una notifica SNMP:
Figura 11. Finestra Crea notifica - notifica SNMP
Tabella 9. Richiami della finestra Crea notifica - notifica SNMP
Numero Nome Descrizione
1 Campo Etichetta Il nome di questa notifica quando appare nell'elenco delle notifiche della scheda SNMP. Questo campo è obbligatorio.
2 Campo Trap Community Name Stringa sensibile alle maiuscole e minuscole usata per autenticare i trap SNMP v1 e v2c. Questo attributo contiene la stringa di comunità utilizzata dal Network Management System per modificare i dati negli oggetti gestiti dai dispositivi gestiti.
3 Campo Indirizzo IP Specifica l'indirizzo IP o il nome host del sistema che riceve i trap.
4 Campo Numero Porta Destinazione Specifica la porta del dispositivo di destinazione che riceve messaggi dal controllore o dal server. La direzione di comunicazione va dal controllore o server al dispositivo di destinazione. L'impostazione di questo attributo a 0 disabilita la funzione Ottieni di SNMP. Questo campo è obbligatorio.
5 Area Formattazione Specifica quali attributi di un evento Metasys sono presenti nel Trap SNMP. I seguenti elementi sono preselezionati:
  • Priorità
  • Messaggio
  • Valore
Tuttavia, è possibile cancellare gli elementi preselezionati.
6 Pulsante Aggiungi filtro eventi Fare clic su questo pulsante per aggiungere un filtro alla notifica. Selezionare un Oggetto da quanto segue:
  • Stato attuale
  • Priorità
  • Categoria di autorizzazione
  • Riconoscimento richiesto
  • Stato Precedente
  • Primo giorno della Settimana
  • Ora di inizio
  • Ultimo giorno della Settimana
  • Ora di fine
  • Ambienti
  • Apparati

Selezionare un Operatore e quindi inserire o selezionare un Valore. Vedere anche Come si utilizzano il Filtro eventi e il Filtro audit?

Come si utilizza la finestra Crea notifica per le notifiche Syslog?

La figura e la tabella seguenti descrivono il layout della finestra Crea notifica per una notifica Syslog:
Figura 12. Finestra Crea notifica - notifica Syslog
Tabella 10. Richiami della finestra Crea notifica - notifica Syslog
Numero Nome Descrizione
1 Campo Etichetta Il nome di questa notifica quando appare nell'elenco delle notifiche della scheda Syslog. Questo campo è obbligatorio.
2 Campo Syslog Server Indirizzo IP del server di destinazione.
3 Campo UDP Send Port La porta designata sul dispositivo per la trasmissione degli errori al server.
4 Campo UDP Receive Port La porta designata sul server per ricevere le trasmissioni di errori.
5 Pulsante Aggiungi filtro di controllo Fare clic su questo pulsante per aggiungere un filtro audit alla notifica. Selezionare un Oggetto da quanto segue:
  • Oggetto
  • Utente
  • Descrizione
  • Valore successivo
  • Primo giorno della Settimana
  • Ora di inizio
  • Ultimo giorno della Settimana
  • Ora di fine
  • Ambienti
  • Apparati
Selezionare un Operatore e inserire o selezionare un Valore. Vedere anche Come si utilizzano il Filtro eventi e il Filtro audit?
6 Pulsante Aggiungi filtro eventi Fare clic su questo pulsante per aggiungere un filtro eventi alla notifica. Selezionare un Oggetto da quanto segue:
  • Stato attuale
  • Priorità
  • Categoria di autorizzazione
  • Riconoscimento richiesto
  • Stato Precedente
  • Primo giorno della Settimana
  • Ora di inizio
  • Ultimo giorno della Settimana
  • Ora di fine
  • Ambienti
  • Apparati

Selezionare un Operatore e inserire o selezionare un Valore. Vedere anche Come si utilizzano il Filtro eventi e il Filtro audit?

Come si crea un annuncio?

  1. Aprire Notifiche remote.
  2. Selezionare il server dalle Risorse di rete nel riquadro a sinistra.
  3. Fare clic sulla scheda Annuncio.
  4. Fare clic su + ANNUNCIO. Si apre la finestra Crea annuncio.
  5. Inserire un nome nel campo Etichetta richiesto.
  6. Immettere una descrizione nel campo Descrizione annuncio richiesto.
  7. Inserite una data e un'ora di inizio nel campo richiesto Data e ora di inizio per determinare quando volete che l'annuncio venga inviato o visualizzato, rispettivamente.
    Nota: Se si modifica un annuncio e-mail esistente, è necessario inserire un valore futuro nel campo Data e ora di inizio per attivare l'e-mail.
  8. Inserire una data e ora di fine nel campo Data e ora di fine per determinare quando si desidera che l'annuncio scompaia.
    Nota: Questo campo è disattivato se si seleziona Annunci e-mail.
  9. Selezionare uno o più tipi di annuncio, tra cui Schermata di accesso, Banner ed Email.
    Nota: È possibile inviare annunci via e-mail solo se il server e-mail è configurato nella scheda Email di Notifiche remote. Fare clic sull'icona Impostazioni per aprire le impostazioni e configurare il server e-mail.
  10. Se si seleziona il tipo di annuncio Email, accedere alla sezione Notifica agli utenti e aggiungere gli indirizzi e-mail degli utenti manualmente o con l'agenda indirizzi. In alternativa, selezionare Tutti gli utenti Metasys attivi per inviare l'annuncio via e-mail a tutti gli utenti.
    Nota: Se si seleziona la casella di controllo Tutti gli utenti Metasys attivi, gli indirizzi e-mail inseriti manualmente saranno ignorati.
  11. Fare clic su SALVA.

Cosa significano gli operatori Filtro eventi e Filtro audit?

La tabella seguente descrive gli operatori del Filtro eventi e del Filtro audit:
Tabella 11. Operatori del Filtro eventi e del Filtro audit
Operatore Significato
== Uguale a: indica una relazione E tra due filtri diversi.
!= Non uguale a: indica una relazione E tra due filtri diversi.
< Minore di
<= Minore o uguale a
> Maggiore di
>= Maggiore o uguale a
== (qualsiasi) Uguale a (qualsiasi): indica una relazione O tra i Filtri spazio ed equipaggiamento, ma una relazione E con altri filtri. Vedere anche Tabella 14.
!= (qualsiasi) Non uguale a (qualsiasi): indica una relazione O tra i Filtri spazio ed equipaggiamento, ma una relazione E con altri filtri. Vedere anche Tabella 14.

Quali sono le opzioni del Filtro eventi?

Utilizzare la seguente tabella come guida per definire i filtri degli eventi.

Tabella 12. Opzioni del Filtro eventi
Oggetto Operatore Valore
Stato attuale ==, != Normale, Guasto, Normale Off, Limite alto, Limite basso, Avviso basso, Alto avviso, Allarme basso, Allarme alto, Allarme, Guasto, Stato, Offline, Spegnimento, Inaffidabile, Online, Superiore al setpoint, Inferiore al setpoint, Non occupato
Priorità ==, !=, <, <=, >, >= Immettere manualmente un valore. Questo è un campo obbligatorio.
Categoria di autorizzazione ==, != HVAC, Rivelazione Incendio, Sicurezza, Servizi, Amministrativo, Generale, Illuminazione, Refrigerazione, Ambiente Critico, Qualità dell'aria, Potenza, Energia, Sistema, Pompe pozzo, Congelatori, Impianti centrali, UTA, Personalizzato 5 - Personalizzato 150
Riconoscimento richiesto ==, != Falso, Vero
Stato Precedente ==, != Normale, Guasto, Normale Off, Limite alto, Limite basso, Avviso basso, Alto avviso, Allarme basso, Allarme alto, Allarme, Guasto, Stato, Offline, Spegnimento, Inaffidabile, Online, Superiore al setpoint, Inferiore al setpoint, Non occupato
Primo giorno della Settimana ==, !=, <, <=, >, >= Da lunedì a domenica
Ora di inizio ==, !=, <, <=, >, >= Selezionare l'ora di inizio.
Nota: Il formato dell'ora è definito dalla lingua selezionata nella scheda Profilo utente del sistema di gestione della sicurezza. Esempio: formato HH:MM AM/PM (12:15 PM) per la selezione della lingua inglese.
Ultimo giorno della Settimana ==, !=, <, <=, >, >= Da lunedì a domenica
Ora di fine ==, !=, <, <=, >, >= Selezionare l'ora di fine.
Nota: Il formato dell'ora è definito dalla lingua selezionata nella scheda Profilo utente del sistema di gestione della sicurezza. Esempio: formato HH:MM AM/PM (12:15 PM) per la selezione della lingua inglese.
Ambienti == (qualsiasi), != (qualsiasi) Cercare un valore. Questo è un campo obbligatorio.
Apparati == (qualsiasi), != (qualsiasi) Cercare un valore. Questo è un campo obbligatorio.

Quali sono le opzioni del Filtro audit?

Utilizzare la seguente tabella come guida per definire i filtri audit per le notifiche Syslog.

Tabella 13. Opzioni del Filtro audit
Oggetto Operatore Valore
Oggetto ==, != Immettere manualmente un valore. Questo è un campo obbligatorio.
Nota: Il nome di un elemento è l'etichetta visualizzata per l'elemento selezionato nella struttura di navigazione Tutti gli oggetti (per esempio, AV1, NAE2 o Pianificazione1). Assicurarsi di definire nomi di oggetto unici.
Utente ==, != Immettere manualmente un valore. Questo è un campo obbligatorio.
Nota: Indica l'utente associato all'azione che ha avviato un messaggio di audit (per esempio, la persona che ha modificato un setpoint). L'utente generico chiamato jci viene utilizzato per identificare un utente su un altro computer che ha caricato o scaricato un archivio di database con SCT.
Descrizione ==, != Immettere manualmente un valore. Questo è un campo obbligatorio.
Nota: Fornisce la descrizione dell'azione che ha generato il messaggio di audit. Per esempio, inserire Abilitato per filtrare i comandi Attiva inviati a un oggetto, oppure inserire Login Utente effettuato per filtrare le occorrenze di accesso riuscito.
Valore successivo ==, != Immettere manualmente un valore. Questo è un campo obbligatorio.